I John Qualcosa si formano nel 2011 ma rimangono nel loro guscio per un po’. Inizialmente il divertimento sta nello scrivere un pezzo, registrarlo con dei “mezzi di fortuna”, realizzare un videoclip e buttarlo in rete. Nient’altro, ma era già Qualcosa da cui partire.

Parallelamente ad altri progetti musicali, AmbraMarie e Raffaele D’Abrusco continuano negli anni a rifugiarsi nei John Qualcosa, aggiungendo ogni volta qualche ingrediente in più fino ad arrivare alla decisione di racchiudere tutto nel primo disco “Sopravvivere agli amanti”.

Nel 2018 i John Qualcosa realizzano il loro primo tour, collezionando date nel nord e nel centro Italia, tra le quali figura il Collisioni Festival (Barolo) ad agosto 2019.

Ora è il momento di “Sopravvivere agli amanti”, l’album d’esordio in uscita il 15 aprile 2020. Il titolo è un omaggio a “Only lovers left alive” di Jim Jarmusch.

——————————————————

I John Qualcosa sono un duo donna/uomo. AmbraMarie lei, Raffaele D’Abrusco lui.

Si formano nel 2011, ma rimangono nella loro stanza per un pò. Inizialmente il divertimento stava nello scrivere un pezzo, registrarlo con dei “mezzi di fortuna”, realizzare personalmente un videoclip e buttarlo in rete. Nient’altro, ma era già Qualcosa da cui partire.

Un low profile non voluto, ma dovuto, un po’ come quando cucini con quello che rimane nel frigo; però per loro il sapore era comunque buono, perchè “sapeva di casa”.

Parallelamente ai loro altri progetti musicali, durante gli anni continuano a rifugiarsi nei John Qualcosa, ogni volta aggiungendo qualche ingrediente in più fino ad arrivare alla decisione di racchiudere tutto nel loro primo disco “Sopravvivere agli amanti”.

Prima però bisognava uscire dalla stanza e vedere come si stava fuori: infatti nel 2018 i John Qualcosa fanno il loro primo tour, collezionando un pò di date tra il nord e il centro Italia, fino ad arrivare sul palco del Collisioni Festival (Barolo) nell’agosto del 2019.

Il 15 aprile 2020 è stato pubblicato l’album d’esordio “Sopravvivere agli amanti”, il cui titolo è un omaggio a “Only lovers left alive” di Jim Jarmusch.

L’album è stato totalmente autoprodotto dai John Qualcosa e da Mattia Degli Agosti, qui nella doppia veste di produttore e batterista, sia in studio che live. L’album inoltre vanta la collaborazione di Filippo Cornaglia(Niccolò Fabi, Andrea laslo De Simone) nelle batterie de “La mia Amsterdam” e nella supervisione dell’intero progetto.